Automazione e industria 4.0 in Italia

attuatori elettrici_800x389

Il mondo è alle porte della quarta rivoluzione industriale. E anche l’Italia ha un ruolo importante, nonostante il fatto che in molti si ostinino a sottovalutare i punti di forza del Belpaese. Tutto sarà interconnesso e automatizzato e la regione Lombardia è già all’avanguardia in questo settore altamente tecnologico. Le buzzword da tenere d’occhio sono automazione e industria 4.0.

Emergeranno nuove forme di lavoro che prima non esistevano e tutto ciò produrrà nuovi corsi di formazione per addetti che vorranno introdursi anche per la prima volta nel mondo del lavoro tecnologico. Cambiando le competenze e le abilità da ricercare in ambito tecnologico, tutti i comparti professionali, inclusi scuole e università, dovranno integrare nuove materie da affrontare per preparare al meglio il futuro lavoratore. Grazie all’automazione sempre più tecnologica, i lavori industriali verranno consegnati prima al cliente e le aziende produttrici impiegheranno meno tempo a produrre più elementi richiesti.

La tecnologia che avanza è un’ottima opportunità per l’Italia, che ha tutte le caratteristiche per poter competere sempre di più nel difficile campo dell’automazione. La robotica, però, non può fare a meno della connessione a internet, cosicché sta prendendo sempre più piede un nuovo modo di comunicare anche in Italia. Il termine adatto di questa evoluzione è Internet delle Cose o Internet degli oggetti o IoT (dall’inglese Internet of Things). Ciò significa che la rete internet si è evoluta nell’uso donando agli oggetti quell’intelligenza che servirà loro a operare in ambienti sempre più smart.

La nuova rivoluzione tecnologica farà molto affidamento sugli attuatori elettrici e di vario genere. Essi in pratica sono dei congegni che permettono il funzionamento di meccanismi convertendo l’energia. Si deduce che ci sarà meno lavoro e più automazione per ogni singola azione in campo industriale. Le aziende lombarde sono già un’eccellenza per questa rivoluzione grazie al sempre costante aggiornamento in ambito tecnologico e per quanto riguarda la componentistica per industrie e catene di montaggio automatizzate dove si utilizzano anche attuatori industriali.

Tutto cambierà e la trasformazione prenderà piede in qualunque settore. L’Italia sta cavalcando l’onda di questa rivoluzione cercando di farsi trovare sempre preparata alle nuove tecnologie e il mondo del lavoro parallelamente sta cambiando proiettandosi sempre di più verso il futuro, utilizzando sempre di più attuatori meccanici e attuatori pneumatici. Il giovane che è alla ricerca di un posto di lavoro dovrà attrezzarsi e individuare i corsi più adatti alle sue inclinazioni in modo tale da far ridurre anche la disoccupazione in una nuova ottica di collaborazione tra scuola, università e imprese.

Le aziende italiane sempre più automatizzate cercheranno di vincere la sfida con le altre realtà presenti in Europa e nel mondo, avvalendosi di congegni sempre più all’avanguardia, per questo motivo bisognerà imparare dalle aziende lombarde che sono già evolute e sul binario giusto. Sta prendendo comunque piede anche in Italia, la robotica che è quella disciplina che permette ai robot di imitare i gesti degli umani ed è una branca della meccatronica.

Ecco perché la robotica sta facendo passi da gigante con la nuova rivoluzione industriale 4.0. L’Italia non può certamente farsi sfuggire questa grande opportunità di stare al passo coi tempi e migliorare il suo bagaglio industriale e per far ciò si sta affidando agli attuatori elettrici che sfruttano la conversione del moto rotatorio di un motore a corrente in un movimento lineare permettendo di sollevare, regolare, tirare o spingere elevati carichi pigiando semplicemente un bottone.

Gli attuatori lineari elettrici sono semplici, non richiedono particolare manutenzione e possono sostituire gli attuatori pneumatici. Di norma sono costituiti da tre elementi: un motore, un riduttore e un pistone e sono in grado di spingere carichi anche molto elevati. Fior di ingegneri italiani stanno cercando di far salire il livello industriale delle molte aziende presenti sul territorio e per far ciò servirà sempre continua formazione e continui aggiornamenti, per sviluppare una nuova visione tecnologica che sia al passo con il mondo contemporaneo.